1.183 visite

Come eliminare gli acari tetranichidi dalle piante   5/5 (1)

Come eliminare gli acari tetranichidi dalle piante  

Si prega di valutare questo

Avete presente quei “cosi” attaccati sul retro delle foglie di colore rossastro che a fatica si riescono a vedere? Quei cosi sono chiamati Acari e oggi cercheremo di capire come eliminare gli acari tetranichidi dalle piante.

Come eliminare gli acari tetranichidi dalle piante!

Come eliminare gli acari tetranichidi dalle piante  

I tetranichidi colpiscono parecchi raccolti in tutto il mondo, con oltre 100 specie considerabili come parassitarie e una decina classificate come estremamente dannose; questi animaletti possono diventare un serio problema per chi coltiva, anche in casa. I tetranichidi, chiamati ragnetti rossi, sono quelli più pericolosi per gli enormi danni che riescono a provocare e per la loro rapidità di procreare!

Come ci si accorge di avere un problema?

Molte specie di acari del ragno (famiglia: Tetranychidae), attaccano piante sia da interno che da esterno, nelle serre possono essere particolarmente distruttivi. Gli acari del ragno non sono veri insetti, ma sono classificati come un tipo di aracnide, parenti di ragni, zecche e scorpioni. Gli adulti sono di colore marrone rossastro o pallido, di forma ovale e molto piccoli (da 0,2 a 0,8 mm). Gli acari vivono in colonie, principalmente sul lato inferiore delle foglie, e si nutrono perforando il tessuto fogliare e succhiando i liquidi vegetali. I segni di alimentazione si presentano come punti luce sulle foglie. Mentre l’alimentazione continua, le foglie diventano gialle e possono seccarsi e cadere.

Quando si verificano le infestazioni?

Gli acari del ragno sono più comuni in condizioni calde e secche, specialmente dove i loro nemici naturali sono stati uccisi dall’uso di insetticidi. Alcune delle molte specie comuni in Nord America sono predatori degli acari che si nutrono di piante, che costituiscono la stragrande maggioranza. Sono anche molto prolifici, motivo per cui spesso gravi infestazioni si accumulano inosservate prima che le piante inizino a mostrare danni. Le piante ospiti sono molte e includono fragole, meloni, fagioli, pomodori, melanzane, fiori ornamentali, alberi e la maggior parte delle piante d’appartamento.

Per combatterle bisogna conoscerle!

Per combatterle bisogna conoscerle!

Ciclo vitale

La maggior parte delle specie di acari sverna in forma di uova sulle foglie o sulla corteccia delle piante. All’inizio della primavera, quando le temperature si alzano, piccole larve a sei zampe iniziano a schiudersi e si nutrono per alcuni giorni prima di cercare rifugio dove si ammassano nel primo stadio ninfale. Le ninfe hanno otto zampe e passano attraverso altre due mute prima di diventare adulti maturi. Dopo l’accoppiamento, le femmine producono continuamente fino a 300 uova in un paio di settimane. Il clima caldo e secco favorisce il rapido sviluppo di questi parassiti. In tali condizioni, il tempo necessario per passare dall’ovulo all’adulto può verificarsi in appena 5 giorni. Esistono diverse generazioni sovrapposte all’anno.

Danno

Gli acari del ragno, quasi troppo piccoli per essere visti, passano nei nostri giardini senza preavviso. Non importa quanto pochi, ciascuno sopravvive succhiando materiale dalle cellule vegetali. Le grandi infestazioni causano danni visibili. Le foglie mostrano per la prima volta modelli di piccoli punti o punteggiature. Possono cambiare colore, arricciarsi e cadere. 

I principali danni causati dal parassita in relazione alle culture:

  • Sui raccolti vegetali annuali come zucca, meloni e angurie, la perdita di foglie può avere un impatto significativo sulla resa e porta a scottature.
  • Su colture come piselli e fagioli di zucchero, dove vengono attaccati i baccelli, gli acari del ragno possono causare danni diretti.
  • Sugli ornamentali, gli acari sono principalmente una preoccupazione estetica, ma possono uccidere le piante se le popolazioni diventano molto alte sulle piante annuali. Gli acari del ragno sono anche importanti parassiti delle rose coltivate in campo.

Come controllare gli acari?

Come controllare gli acari?

L’uso di pesticidi chimici è sconsigliato perché uccide gli insetti che li predano. Inoltre gli acari sono anche noti per sviluppare una rapida resistenza ai vari pesticidi. Per questi motivi, è importante controllare gli acari con metodi naturali e biologici efficaci.

  1. Potare le foglie, gli steli e le altre parti infestate delle piante eliminandoli nella spazzatura non nel compost. Non esitate ad estirpare alcune piante al fine di impedire agli acari di diffondersi a quelle vicine.
  2. Lavare le piante con un forte flusso d’acqua (addizionato ad un prodotto naturale specifico) per ridurre il numero di parassiti.
  3. In commercio è possibile trovare i loro predatori naturali, come coccinelle, pizzi e acari predatori. Per risultati ottimali, rilasciare quando i livelli di parassiti sono bassi o medi.
  4. Esistono insetticidi naturali che agiscono rapidamente e uccidono la maggior parte dei parassiti a livello di uova, larve o adulti. 
  5. Se le colonie sono numerose, utilizzare un pesticida di breve durata meno tossico per ridurre le infestazioni, quindi rilasciare acari predatori per mantenere il controllo.
  6. Insetticida o insetticidi botanici possono essere utilizzati per individuare aree molto infestate dal trattamento.
  7. Sugli alberi da frutto, l’olio orticolo dovrebbe essere applicato all’inizio della stagione o alla fine dell’autunno per distruggere le uova svernanti.
  8. La polvere su foglie, rami e frutti incoraggia gli acari. Un tubo di metà stagione (o due!) Per rimuovere la polvere dagli alberi è un valido preventivo.
  9. Lo stress idrico rende sia gli alberi che le piante da giardino più sensibili alle infestazioni da acari. Assicurati che le tue piante siano adeguatamente annaffiate.

Suggerimento: le strategie di gestione devono tenere conto del rapido tempo di sviluppo di questo parassita, specialmente durante la stagione calda quando le uova vengono deposte in modo continuo. Prendere di mira solo gli adulti farà poco bene se sopravvivranno uova e larve. I trattamenti ripetuti sono quasi sempre necessari. L’uso di foglie lucide e lavaggi aiuta a controllare e prevenire ulteriori infestazioni.

Conclusione

Come eliminare gli acari tetranichidi dalle piante l’abbiamo visto, la speranza e quella di non doverne mai affrontare una ma nel caso ora sapete come affrontarla!

Preventivo