1.190 visite

Carenza di zolfo nelle piante 5/5 (1)

Carenza di zolfo nelle piante

Si prega di valutare questo

Molti agronomi considerano lo zolfo il secondo nutriente più importante dopo l’azoto. Certamente lo zolfo è un nutriente essenziale ed è strettamente legato all’azoto nei processi biologici con entrambi gli elementi che formano una squadra inseparabile. Una carenza di zolfo nelle piante cosa comporta?

Carenza di zolfo nelle piante, ecco cosa devi sapere

Carenza di zolfo nelle piante

In precedenza i requisiti delle colture erano generalmente soddisfatti dalle precipitazioni atmosferiche e lo zolfo era limitato a un ruolo secondario, tuttavia oggi è tornato al suo posto come componente essenziale della gestione ottimale dell’azoto. Lo zolfo è un ingrediente fondamentale della vita sulla terra. Lo zolfo è presente in tutte le colture e svolge un ruolo importante nel metabolismo delle piante. Inoltre è essenziale per la formazione di proteine ​​vegetali, aminoacidi, alcune vitamine ed enzimi. La maggior parte dei fertilizzanti composti contenenti zolfo contengono anche azoto, evidenziando lo stretto legame tra questi due elementi. Insieme all’azoto, lo zolfo consente la formazione di aminoacidi necessari per la sintesi proteica. Si trova negli acidi grassi e nelle vitamine e ha un impatto importante sulla qualità, sul gusto o sull’odore delle colture. Lo zolfo è anche essenzialmente coinvolto nella fotosintesi, nel metabolismo energetico globale e nella produzione di carboidrati.

Cosa provoca una carenza di zolfo?

Fino agli anni ’90, la disponibilità di zolfo non era motivo di preoccupazione, poiché le emissioni di anidride solforosa di origine industriale garantivano una fornitura sufficiente e automatica. La regolamentazione ambientale e il carburante a basso contenuto di zolfo in particolare hanno fortemente ridotto le emissioni di zolfo. Allo stesso tempo, le maggiori rese e aspettative di qualità hanno aumentato il ritiro di zolfo dai giochi. Se le carenze di zolfo erano piuttosto rare 20 anni fa, oggi si incontrano comunemente

È più probabile che si verifichino carenze di zolfo nelle seguenti condizioni:

  • Suoli leggeri e sabbiosi con poca sostanza organica del suolo (basso contenuto di zolfo)
  • Forti piogge durante l’inverno (lisciviazione dello zolfo)
  • Molla a secco (bassa mobilità dei solfati)
  • Bassa temperatura (basso tasso di mineralizzazione)
  • Basso apporto di sostanza organica e zolfo minerale (basso apporto)
  • Distanza dai siti industriali (deposizioni a basso contenuto di zolfo)

I sintomi della Carenza di zolfo

La carenza di zolfo è spesso difficile da distinguere dalla carenza di azoto, alla quale può essere collegata. I sintomi includono un ingiallimento delle foglie più giovani, a causa della bassa produzione di clorofilla. La crescita è generalmente ridotta.  Nella colza, i fiori sono pallidi e le foglie sono distorte. Nella maggior parte dei casi, i sintomi compaiono troppo tardi per un trattamento efficace. La carenza nascosta è di gran lunga più frequente della carenza acuta. 

Da dove viene lo zolfo nel suolo?

Da dove viene lo zolfo nel suolo?

Il ciclo dello zolfo nel suolo mostra alcune somiglianze con il ciclo dell’azoto. Solo una parte minore di esso è immediatamente disponibile per l’assorbimento delle piante. Il resto deve prima sottoporsi a processi di trasformazione.

Le colture preferiscono il solfato

Le radici delle piante possono assorbire zolfo solo come ioni solfato. Le foglie delle piante possono anche assorbire zolfo dall’aria come biossido di zolfo (SO2), ma questo contributo è ora minore. Tutto lo zolfo elementare del suolo deve essere prima mineralizzato prima che diventi disponibile per le piante.

Fonti di zolfo

Tutto lo zolfo nel terreno, sia che venga applicato come zolfo elementare, letame o solfato, finisce come solfato prima che le piante lo assorbono. Se il solfato viene applicato direttamente, si evitano perdite. 

Zolfo da fertilizzanti minerali

Il fertilizzante minerale contiene zolfo come solfato. Il solfato da fertilizzante è immediatamente disponibile come nutriente e facilmente assorbito dalle piante. Il solfato è altamente mobile nel terreno e raggiunge rapidamente le radici delle piante. L’applicazione dello zolfo nelle fasi iniziali e durante un’intensa crescita delle piante lo rende adatto per la combinazione con altri fertilizzanti, in particolare l’azoto. Applicato come zolfo elementare, deve essere ossidato a solfato dai microbi del suolo, il che richiede tempo. Lo zolfo elementare ha anche un forte effetto acidificante.

Deposizioni di zolfo dall’atmosfera

Lo zolfo è presente nell’atmosfera principalmente come anidride solforosa (SO2) da eventi naturali (eruzioni vulcaniche) o attività artificiali (combustione di combustibili fossili). Lo zolfo può entrare nelle foglie delle piante dall’aria come gas di anidride solforosa, ma questo contributo è ora relativamente minore. Gran parte dello zolfo atmosferico, tuttavia, entra nel terreno sotto forma di pioggia acida. Negli ultimi 25 anni le emissioni di zolfo sono diminuite di oltre l’82%, di conseguenza anche le deposizioni si sono notevolmente ridotte e difficilmente superano i 5 kg / ha.

Zolfo da concimi organici

Il letame contiene zolfo principalmente come sostanza organica e quindi deve essere mineralizzato prima di poter essere assorbito. Un recente studio dell’ADAS ha rilevato che solo il 5-10% dello zolfo nel letame bovino era disponibile per le colture in primavera dopo un’applicazione autunnale.

Lisciviazione dello zolfo 

Lo zolfo si comporta in modo simile all’azoto nel terreno. Gli ioni solfato, come ioni nitrato, sono disciolti e molto inclini alla lisciviazione. L’applicazione dei fertilizzanti dovrebbe pertanto essere adattata alla crescita delle piante al fine di garantire un rapido assorbimento. L’applicazione nella fase principale della crescita delle piante è la strategia più efficiente. Si sconsigliano le applicazioni autunnali di zolfo.

Di quanto zolfo hanno effettivamente bisogno le colture?

Quando si tratta di zolfo, le colture non sono uguali. Per alcune colture, l’approvvigionamento del suolo può essere sufficiente, mentre per altri si prevedono gravi perdite di quantità e resa senza un’adeguata presenza dello zolfo. 

Conclusioni

La Carenza di zolfo nelle piante è un’eventualità assai rara, nelle coltivazioni in vaso può crearsi una carenza da zolfo come per il fosforo, quando il PH è troppo alto e nella terra da vaso c’è troppo calcare. In ogni caso ora potrete intervenire nel caso specifico, applicando i suggerimenti segnalati. La speranza e quella di non doverne mai affrontare una ma nel caso ora sapete cosa fare!

Preventivo